Comunicato CUDAS – Si è svolto stamattina, presso la sede del Distretto sanitario 36 di e Procida, un incontro tra il sanitario, dott.ssa Carmela Aiardo Esposito, che lo aveva richiesto, e una delegazione del CUDAS d’ Ischia, guidata dalla Gianna Napoleone. Un primo contatto che la responsabile dei servizi sanitari sul territorio ha ricercato su input del generale dell’ Nord, a seguito delle specifiche istanze presentate dal CUDAS al dott. D’Amore in occasione dell’incontro svoltosi a Monteruscello il mese scorso.
Delle 20 questioni su cui il Comitato unitario ischitano aveva sollecitato l’azione del manager dell’Asl, alcune riguardavano espressamente l’organizzazione e la funzionalità dei servizi territoriali, e su quelle di diretta competenza del Distretto si è dunque concentrata la discussione, che si è svolta in un clima positivo, grazie alla disponibilità e fattività mostrate dalla dott.ssa Aiardo e alla volontà di costruttiva interlocuzione e concreta collaborazione manifestata dal CUDAS.
Esaminate le criticità più evidenti e urgenti rilevate sul territorio, la dott.ssa Aiardo ha comunicato alcune novità positive, soprattutto riguardo al potenziamento di alcuni ambulatori e prestazioni specialistiche, precedentemente sottodimensionati rispetto alle esigenze della popolazione ischitana. In particolare, sono aumentate le ore assegnate alla Fisiatria, all’Endocrinologia e alla Diabetologia, per la quale si è proceduto ad una riorganizzazione dei servizi all’utenza anche d’ con i medici di base.
Alla luce del recente dell’Asl, è aumentato il monte ore assegnato sull’isola alla Neuropsichiatria infantile, mentre si sta lavorando al potenziamento di altre specialità.
Il direttore sanitario ha anche chiarito che si farà carico di evitare che le ore relative al servizio da svolgere sull’isola seguano in gli specialisti ambulatoriali in caso di trasferimento, secondo una prassi consolidata la cui correzione era stata sollecitata dal CUDAS allo stesso Direttore generale dell’Asl. Tra i temi affrontati c’è stato anche quello del funzionamento del Cup a cui il Distretto ha cominciato ad apportare dei correttivi, la cui reale efficacia andrà seguita e verificata.
A conclusione dell’incontro sia da parte della dott.ssa Aiardo che del CUDAS è stata ribadita la volontà di proseguire in una interlocuzione utile a mettere a esigenze e criticità, al fine di migliorare la dotazione e la qualità dei servizi sanitari territoriali sull’isola d’Ischia.
Antonello Impagliazzo
Portavoce CUDAS isola d’ Ischia
Ischia 03 Ottobre 2016