– Oggi il del non ha un progetto esecutivo. Non si capisce in base a quali atti  (e per fare cosa) l’area è stata consegnata alla ditta Fiam e Dega, meglio conosciute come aziende “Santoro”.

Infatti, anche la seconda , più precisamente la nr. 76 del 03/08/2017, che approvava appunto il progetto esecutivo con una variazione di ( i lavori pubblici sono sempre una manna a Ischia), è decaduta per non essere stata  ratificata dal comunale nei successivi 60 giorni. Infatti si legge nella delibera che, ai sensi dell’art. 175 comma 4 del D.lvo 267/2000, la delibera doveva essere portata all’attenzione del per la ratifica nei successivi 60 giorni. Cosa che non è avvenuta. E’ da dire che già una precedente delibera è cioè la nr. 62 del 22/05/2017, non era stata portata in per la ratifica ed era decaduta.

Per la verità, questi fatti rappresentano una novità ischitana nel modo di amministrare di , che sta riuscendo a fare peggio di Giosi…. Per quel che si ricorda mai una delibera, oggetto di ratifica, non era stata confermata nei termini dal Consiglio comunale.

Questo modo di operare è gravissimo e siamo sicuri che in altre epoche le minoranze avrebbero dato battaglia e chiesto l’intervento del Prefetto. Invece, ed i suoi fedelissimi tacciono ed Enzo può fare il bello e il cattivo tempo.

Ci si chiede: “Ma vi è una strategia in Gianluca Trani o invece si tratta proprio di una sua incapacità politica?”.

In entrambi i casi il, fatto sarebbe gravissimo e sarebbe opportuno che qualche giovane , non legato a Gianluca, facesse sentire la sua voce.  In questo modo il motto “Ischia Cambia” dovrebbe sostituirsi in “Ischia Muore”….

P.S- La mancata ratificazione da parte del consiglio comunale della delibera del 3 agosto è una notizia, che non è stata data da nessun media ….. Chi prende notizie da questo sito e non cita la fonte è un copiotto…