ISCHIA – La stampa Nazionale riporta la notizia di un’importante inchiesta inerente ai cosiddetti di un cerchio magico composto da magistrati, , professionisti, consulenti, grazie ai quali vi sarebbe stata una strategica opera che avrebbe portato a condizionare alcune sentenze. Nel mirino dell’operazione della Guardia di è finito l’avvocato Piero Amara, con una clientela importantissima di primissimo piano tra le aziende, ma anche per gli investimenti di molti magistrati della giustizia amministrativa, tra il Consiglio di , il Consiglio di giustizia amministrativa e il Tar Sicilia.  Oltre ad Amara, è arrestato il magistrato Giancarlo Longo, ex PM della di Siracusa, poi trasferito al di Napoli, cioè alla sezione distaccata di Ischia. Tra gli arrestati vi è pure Enzo Bigotti, imprenditore già indagato per il caso Consip, l’avvocato Giuseppe Calafiore, socio e collega di Amara, il professore universitario della Sapienza di Roma, Vincenzo Naso. Provvedimenti restrittivi, tra gli altri, anche per il Mauro Verace e per il giornalista siracusano Giuseppe Guastella. Indagato per concorso in corruzione vi è l’ex di Stato, Riccardo Virgilio, che non è stato arrestato.